Sicurezza nei Cantieri e Patente a Punti: Obbligo dal 1° Ottobre 2024

La Legge 29 aprile 2024 n. 56 ha modificato il D.Lgs. n. 81/2008 introducendo la patente a crediti obbligatoria per imprese e per i lavoratori autonomi che intendano operare nei cantieri mobili e temporanei.

Questa informativa è dedicata alle imprese.

 La patente a crediti entrerà in vigore il 1° ottobre 2024.

Soggetti Obbligati

Dovranno avere la patente a crediti le imprese che operano nei cantieri temporanei o mobili. di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a” del D.Lgs. n. 81/2008.

Saranno esclusi dall’obbligo i soggetti che eseguono solo forniture o prestazioni di natura intellettuale, oppure le imprese in possesso dell’attestato di qualificazione SOA in classifica pari o superiore alla III.

Conseguimento della Patente

La patente sarà rilasciata, in formato digitale, dalla sede territorialmente competente dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), fermo restando il possesso dei seguenti requisiti, alcuni dei quali potranno essere autocertificati:

  • iscrizione alla CCIAA;
  • adempimento obblighi formativi sicurezza di datori di lavoro, dirigenti, preposti, lavoratori;
  • possesso del documento unico di regolarità contributiva in corso di validità (DURC);
  • possesso del documento di valutazione dei rischi (DVR);
  • possesso della certificazione di regolarità fiscale (DURF), se previsto dalla normativa vigente;
  • avvenuta designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP).

 

Verranno emanati decreti attuativi che indicheranno le modalità di presentazione della domanda per l’ottenimento della patente e i relativi contenuti informativi.

Punteggio

Il punteggio iniziale della patente è di 30 crediti. Sarà possibile operare con una dotazione pari o superiore a 15 crediti.

La patente con punteggio inferiore a 15 crediti non consentirà di operare.  Sarà permesso solo il completamento delle attività oggetto di appalto o subappalto in corso di esecuzione, a condizione che i lavori eseguiti siano superiori al 30% del valore del contratto.  

Decurtazione crediti, Sospensione e Revoca

A seguito di accertamenti e di eventuali provvedimenti definitivi emanati nei confronti di datori di lavoro, dirigenti e preposti delle imprese, il punteggio della patente potrà essere decurtato.

Decurtazione: il dettaglio delle decurtazioni è consultabile

Sospensione: in caso di infortuni gravi, da cui sia derivata la morte o una inabilità permanente, assoluta o parziale del lavoratore, l’INL può sospendere la patente fino a dodici mesi.

 Revoca: la patente viene revocata in caso di dichiarazione non veritiera di uno o più requisiti.

 Recupero crediti persi: in attesa di decreto attuativo. 

Sanzioni

L’attività in cantieri temporanei o mobili da parte di un’impresa priva della patente o in possesso di una patente con punteggio inferiore a 15 crediti comporta il pagamento di una sanzione amministrativa pari al 10% del valore dei lavori che l’impresa sta svolgendo e, comunque, non inferiore all’importo di € 6.000, nonché l’esclusione dalla partecipazione ai lavori pubblici di cui al codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36, per un periodo di sei mesi.

INAIL: Prevenzione e Protezione dall’Esposizione al Radon nei Luoghi di Lavoro

Il Sito Istituzionale di INAIL pubblica un interessante documento circa  le caratteristiche principali del Radon “la natura di questo inquinante e ai suoi effetti sanitari; quindi, descrive in modo sintetico i principali aspetti connessi alla valutazione del rischio nei luoghi di lavoro di interesse (tenuto conto anche di quanto introdotto dal Piano Nazionale d’Azione per il Radon) alla prevenzione e alla protezione dell’esposizione al radon dei lavoratori secondo il dettato normativo.”

Preposti: una Check List per Agevolarne i Compiti

Il supporto dei Preposti ai Datori di Lavoro, nel garantire che le diverse attività lavorative siano svolte in conformità alle vigenti normative sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro si conferma assolutamente essenziale.

 

I Preposti (es. capi reparto, capi area, capi turno) sono coloro che sovraintendono l’attività di altri lavoratori, supervisionando l’area di propria competenza e vigilando sull’osservanza delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza.

 

Si ricorda che a carico del Datore di Lavoro è stabilito l’obbligo di individuare, nominare e formare i Preposti per l’effettuazione delle attività di controllo in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Questi i compiti previsti:

  • Deve sovrintendere e vigilare sull’osservanza da parte dei lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
  • Nel caso in cui il Preposto rilevi delle non conformità da parte dei lavoratori in ordine alle disposizioni impartite dal Datore di Lavoro/Dirigenti ai fini della protezione collettiva e individuale, deve intervenire per modificare il comportamento non corretto e fornire le opportune indicazioni di sicurezza.
  • In caso di mancata attuazione delle disposizioni impartite, o di persistenza della inosservanza, il Preposto deve interrompere l’attività del lavoratore e informarne tempestivamente il Datore di Lavoro/Dirigenti.

A titolo puramente esemplificativo, pubblichiamo una preziosa Check List da compilarsi a cura dei Preposti: ciò sarà utile anche per dare un’evidenza formale della sua attività.